Luino: Drappi di seta al fuori salone

Fili di Seta e di Lino tra Arte e Lavoro – Città di Luino

25 luglio FUORI SALONE del mercato di Luino, lungolago

Il prossimo 25 luglio a partire dalle 10.30 nel nuovo lungolago si terra’ la seconda edizione del Fuori Salone del mercato di Luino, con patrocinio del Comune di Luino e della Comunità Montana Valli del Verbano. Il pregiato tessuto che è la seta, in tutte le sue inclinazioni, sarà protagonista di in un’installazione vista lago: taffettà, chiffon, organza, georgette con il loro fascino intramontabile ed impalpabile verranno mostrate nello scenario stupendo del Maggiore nei pressi di Palazzo Verbania accompagnate da un corner dipregiati tessuti di lino.

DRAPPI di seta, stampe e tanto altro ancora verranno esposte al pubblico nella seconda edizione di un evento unico, organizzato nell’ambito della splendida esposizione “Ai confini del cielo: fili di seta e di lino tra Arte e Lavoro” ( http://www.aiconfinidelcielo. it ) ospitata nel centro storico sino al 4 ottobre a cui collaborano diverse professionalità provenienti da realtà produttive e dal mondo associativo, tra cui l’Atelier Capricorno rappresentato da Anny Ferrario presente nella manifestazione con molteplici e interessanti proposte artistiche. Anche quest’anno la studiosa Monica Elisabetta Trussi ha esaltato il fascino e le caratteristiche delle storiche fibre con la collaborazione di Paolo Oldani e di Fabrizia Caniato. Tematiche legate all’Ambiente ed al Riciclo sono state sviluppate e seguite da Antonietta Severi e Angela Bossi a cui va tutto il merito per la realizzazione dell’iniziativa: &Green Project&.

Presso il FUORI SALONE saranno esposti anche alcuni foulard di seta dipinti da artisti delle associazioni Circolo degli Artisti di Varese e Liberi Artisti della provincia di Varese.

La scelta della seta per il Fuori Salone trova le sue radici in un passato lontano: molte erano le bancarelle del settore tessile con lane, tele, filati, pizzi e tinture: il quadro di metà ‘800 vede Luino protagonista di quella che sarà una vera e propria esplosione nell’industria tessile con la nascita di tintorie e stamperie su tela, filande a vapore con torcitoi .

Questo territorio si era già presentato nel censimento napoleonico dei ‘ commercianti fabbricatori banchieri sensali ed artisti ‘come luogo di filandieri. L’origine del setificio e la diffusione della bachicoltura si deve proprio a quei tempi. Diverse erano le fasi produttive. La filanda curava la trattura con fornelli in cui si cavava il filo dai bachi formando matasse di seta greggia. Negli incannatoi si passava all’ incannatura o ‘dipanaggio’ cioè all’avvolgimento del filo su rocchetti mondando la seta dalle parti difettose. Il filatoio provvedeva alla torcitura del filo. La tessitura chiudeva il ciclo. Nel 1847 esistevano attività con molti addetti, per fare un esempio, una azienda di un totale di 369, una filanda con 300 operai e e tre filatoi con 700 operai. Nell’inchiesta industriale del 1872 abbiamo ancora dei numeri notevoli e agli inizi del ventesimo secolo, la nostra industria vantava macchinari tessili esportati persino all’estero in tutte le regioni seriche del mondo: da Shanghai alla Russia degli Zar. Insieme alle macchine andarono in Russia montatori e ‘maestre’ per insegnarne l’uso agli stranieri. Oltre alla seta il nostro territorio vanta una notevole storia anche di cotonifici . Nel 1873, gli Hussy vantavano a Luino una tessitura per prodotti di qualità, come stoffe fantasia,fazzoletti, cotonine colorate. La tessitura era dotata di 100 telai acquistati in Svizzera e in Inghilterra cresciuti a 400 nel 1873. Nel 1878 in Svizzera gli Hussy si allearono con Winterthur e Vosch e impiantarono a lato della tessitura, una filatura che utilizzava la crescente importazione di cotone greggio dall’America. Grazie a queste innovazioni industriali gli Hussy installarono il primo telefono luinese tra lo stabilimento, la stazione e l’imbarcadero e nel 1926 davano lavoro a 1100 dipendenti. (Informazioni Storia di Luino e delle sue valli di Pierangelo Frigerio, edito Macchione)

Sino al 4 OTTOBRE 2018
Mostra “Balconi Artistici”- Il nome “Ai confini del cielo: Fili di seta e di Lino tra Arte e Lavoro”: richiama le caratteristiche intrinseche del progetto: Singolarità, esclusività, tradizione ed è in grado di allargare la proposta della conoscenza delle fibre antiche del nostro territorio. Sino al 4 ottobre la città di Luino ospiterà l’iniziativa: “Fili di seta e lino tra arte e lavoro” tre mesi di iniziative dedicate alle fibre nobili e antiche del territorio con una serie di appuntamenti tra esposizioni, workshop, dimostrazioni e wall paint experience presso Atelier e studi d’artista. All’interno della vecchia Luino simbolo delle creatività artistiche e dell’artigianato Associazioni, Gallerie, Studi d’arte, di Grafica e Fotografia proporranno iniziative in grado di svelare i segreti e le alchimie dei processi di produzione dei tessuti, di immagini e incisioni. L’evento porterà nel centro storico della città istallazione di tessuti (stendardi dipinti da importanti Artisti) realizzati con oltre 300 metri di tessuto.
COMITATO ARTISTICO

Agudero Marysol, Bacchini Giorgio, Barozzi Riccardo, Bernasconi Anna, Binda Giulia, Bogarelli Mattia, Bossi Angela, Bossi Maria Luisa, Boschero Ida, Busto Cinzia, Cagnola Letizia, Calogero Francesca Ida, Callegari Cristina, Camboni Jacopo, Castiglioni Gianpiero, Cazzaro Gianni, Cervaro Nuccia, Consilvio Giuliana, Cornolò Elisabetta, Cossi Adele, Danelli A., Dellea Valeria, Denti Danila, Ferrario Anny, Franzetti Antonio, Fronti Giulia, Galmarini Francesco, Giannello Anna, Gualtieri Vincenzo, Lazzarini C., Lazzarini Lia, Mariani Dino, Marino Giovanna, Mazzetti Gabriella, Mikus Marika, Passera Daniele, Passarella Massimo, Piazzon Cinzia, Pesenti Silvana, Ponzetto Viviana, Poli Angela, Reizel De Vittori Raphael, Robustelli Giorgio, Sartorio Pierangelo, Tei Pierantonio, Testa Claudia, Sandroni Letizia, Tintila Elena, Visigalli Marisa

Nello stesso periodo l’originale binomio tra mondo pittorico e tessile sarà rappresentato dall’esposizione di “Foulard d’Artista” opere stampate su seta realizzate da Artisti soci del Circolo degli Artisti di Varese e dell’Associazione Atelier Capricorno. Assisteremo ad un Esposizione che nella sua singolarità proporrà un trionfo di colori come omaggio alla pittura e alla fibra utilizzata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...